Quanto in alto può arrivare Bitcoin? – L’amministratore delegato di KR1 George McDonaugh discute lo stato del mercato della crittovaluta

Cosa c’è dietro il mercato dei tori Bitcoin?

Bitcoin BTC, il 2,13% è andato su tutte le furie negli ultimi tempi, raggiungendo il livello di prezzo di 18.000 dollari e avvicinandosi al suo massimo storico del dicembre 2017. In termini di capitalizzazione di mercato, BTC è già migliorata rispetto al precedente massimo storico. Ma cosa sta guidando questo rally, e fino a che punto possiamo aspettarci che Bitcoin si spinga?

In CoinCodex, abbiamo avuto l’opportunità di parlare con George McDonaugh, l’amministratore delegato della società di investimenti a catena di blocco KR1 con sede nel Regno Unito. Ecco le sue riflessioni sullo stato attuale del mercato della crittovaluta e su cosa c’è dietro la forte performance di Bitcoin Freedom. Gli abbiamo anche chiesto cosa ne pensa dell’ecosistema della finanza decentralizzata (DeFi).

Nel 2020, il tema dell’ingresso sul mercato degli attori istituzionali è stato al centro dell’attenzione nello spazio della crittovaluta. Secondo lei, sono gli investimenti istituzionali veri e propri a dare impulso al mercato Bitcoin in questo momento, o è più influente la narrazione che circonda questi investimenti?

Penso che sia un misto ed entrambi gli aspetti che aiutano il mercato, ma direi che tra i due, sono le narrazioni che circondano questi investimenti ad essere più significative. Tuttavia, l’azione reale del prezzo può in realtà essere ricondotta all’evento del dimezzamento. C’è semplicemente meno bitcoin a disposizione del mercato e un lato di acquisto sempre crescente.

Il Bitcoin diventerà meno volatile man mano che verrà adottato dai principali istituti di investimento? Quanto del fascino del Bitcoin deriva dalla sua volatilità?

Il Bitcoin avrà sempre una certa volatilità dovuta al fatto di essere molto scarso e di avere grandi detentori. Ma man mano che la liquidità aumenta, il numero di detentori aumenta e si stabilizza. Questa è già una tendenza che può essere tracciata sui grafici.

Pensa che il Bitcoin sia un valido deposito di valore in questo momento

Pensa che il Bitcoin sia un valido deposito di valore in questo momento, o gli investitori stanno scommettendo principalmente sul suo potenziale per diventare un valido deposito di valore in futuro?

Come sempre, dipende dal contesto. In Venezuela, è al 100% un negozio di valore. Negli Stati Uniti, con una miriade di altri strumenti in offerta, lo è meno, di natura più speculativa. Anche questo cambierà nel tempo. Si tratta di una moneta globale, senza permesso, internet money, quindi con il tempo assumerà ancora di più l’accumulo di proprietà di valore, poiché si diffonderà in tutte le parti del globo. Le persone stanno sicuramente prendendo posizione a causa di questa possibilità che si verificherà col tempo.

Diciamo che l’attuale rally Bitcoin alla fine si estende oltre il precedente ATH di circa 20.000 dollari – lei ha detto che si aspettava che questo avvenisse all’inizio del 2021. Secondo lei, quale sarebbe una fascia di prezzo realistica per il Bitcoin da colpire prima di entrare in un periodo di correzione prolungato come abbiamo visto nel 2018-2019?

Se si ingrandisce e si guarda l’intero grafico dei prezzi Bitcoin a partire dal primo giorno, si tratta essenzialmente di un lungo mercato di tori. Questo perché il grafico rappresenta l’adozione. Poiché una nuova tecnologia viene adottata in velocità, si muove in cicli di boom e busto. Ma il busto finisce sempre ad un prezzo più alto. Ora siamo a 16k e c’è un’iperattività di vendita al dettaglio pari a zero. Controlla l’analisi di ricerca di Google per il bitcoin.